giovedì, marzo 06, 2008

Piove











Al lavoro è andata così...
domani c'ho un bel pò di cose
da sistemare...

Ieri ho perso l'ombrello,
ed oggi non pensavo piovesse.
Cammino per strada e fa anche un pò
freddo... ho messo pure il giubbotto
di pelle leggero...

Piove e come piove...
sono completamente bagnato...
le mani in tasca...
l'mp3 a palla nelle orecchie.

Sento le gocce che scivolano
giù dai ricci e mi scorrono sul viso
ma non m'importa granchè.

La musica che scorre ora nelle mie
orecchie è quella di elisa...
"quante cose che non sai di me...
quante cose che non puoi sapere..."

E' sempre stato così...
mi sento un iceberg, poco visibile
racconto quasi nulla.
Tengo tutto dentro.

Trovo sempre più difficile far capire
quello che mi passa per la testa,
le mie reazioni,
le mie priorità,
i miei approcci,
quello che mi fa caldo dentro
e quello che non mi interessa proprio.

E in fondo non è che me ne frega tanto.
Non m'importa più di quello che
pensano di me.

"C'è un principio di energia
Che mi spinge a dondolare
Fra il mio dire ed il mio fare
E sentire fa rumore
Fa rumore camminare
Fra gli ostacoli del cuore"

Per ora va così...


31 commenti:

rompina ha detto... @ 6 marzo 2008 22:01

:o)

questa e' una di quelle canzoni che il mio MP3 decide di farmi ascoltare piu' spesso...ed e' sempre bello, struggente, importante, triste, allegro, profondo, superficiale camminare tra gli ostacoli del cuore...con la pioggia, il sole, con la primavera che arriva o con l'inverno che non se ne vuole andare...mille emozioni sulle note di una canzone sola...non e' sorprendente??

vehuel ha detto... @ 6 marzo 2008 22:17

bk, ma che dolce questo tuo post!
Io non ho mai l'ombrello e mi vesto in modo sempre troppo leggero. Adoro sentire la pioggia che mi cade addosso e mi scivola tra i capelli. E mi fa fare riflessioni simili alle tue. Mi fa pensare ad una poesia di D'Annunzio e ad una vecchia canzone di jovanotti.
Dormi bene e pensa che questa pioggia ha lavato il muso al mondo.
:) Bacio,
Ju

Grace ha detto... @ 6 marzo 2008 22:52

A volte è meglio tenersi dentro ...tutto...
e poi esternare nei momenti giusti e soprattutto con le persone giuste..
davvero bella quella canzone..
Grace

Bk ha detto... @ 7 marzo 2008 07:58

@rompina: già... la musica è un veicolo forte per le emozioni.
@vehuel: grazie...
@grace: terrò a mente grace...

Sara ha detto... @ 7 marzo 2008 09:58

una canzone struggente..Le uniche parole che mi vengono sono quelle che ho ascoltato ieri sera, prese in prestito da un film. Un abbraccio.

"Voglio che qualcuno ti travolga, voglio che tu leviti, voglio che tu canti con rapimento e danzi come un derviscio."

"..abbi una felicità delirante o almeno non respingerla."

"l'amore è passione, ossessione, qualcuno senza cui non vivi. Io ti dico: buttati a capofitto, trova qualcuno da amare alla follia e che ti ami alla stessa maniera. Come trovarlo? Beh, dimentica il cervello e ascolta il cuore. Io non sento il tuo cuore. Perché la verità, tesoro, è che non ha senso vivere se manca questo. Fare il viaggio e non innamorarsi profondamente beh, equivale a non vivere. Ma devi tentare, perché se non hai tentato, non hai mai vissuto."

Spippy ha detto... @ 7 marzo 2008 12:10

Io non lo so, mostriciattolo. Ma quando leggo i tuoi post, soprattutto post come questo, mi batte forte il cuore. Sarà perchè anch'io mi ci vedo, sotto la pioggia, i ricci bagnati (l'effetto liscio della foto è scalzato via ogni qualvolta c'è un po' di umidità), la musica a palla. Musica che dice che niente intorno puo' capire chi e come sono.
Chissà, magari un giorno cammineremo insieme sotto la pioggia.

Juliet ha detto... @ 7 marzo 2008 13:01

siamo molto simili

Bk ha detto... @ 7 marzo 2008 14:10

@sara: che film?
@spippy: cantando sotto la pioggia insieme? perchè no...
@juliet: ... iceberg anche tu? :-D

DIDI ha detto... @ 7 marzo 2008 14:29

tutti abbiamo dei piccoli segreti...diventeremmo noiosi se non ce li avessimo...

pero io sono del parere che non bisogna tenere tutto dentro..
se lo fai prima o poi scoppi...

Sara ha detto... @ 7 marzo 2008 14:38

Spero il prossimo che guarderemo insieme. Un beso.
"Vi presento Joe Black"

Sara ha detto... @ 7 marzo 2008 14:56

Un giorno, quando ti troverai a camminare sotto la pioggia accanto a CHI desideri con tutto te stesso, quegl'ostacoli del cuore verranno superati e neanche te ne accorgerai...:-)
E canterai un'altra strofa "quante cose da portare nel viaggio insieme...":-)

Marco ha detto... @ 7 marzo 2008 16:04

va sempre meglio quindi...!!!

Gianluca ha detto... @ 7 marzo 2008 16:54

Anche qua piove.
Anche io sempre senza ombrello.
Li dimentico ovunque e poi ho i capelli ricci impermeabili.
Ero un po'nello stato d'animo meditativo,l' mp3 passava Nada..
quando una macchina mi ha inzaccherato tutto.
Ho spiumato tutti i santi in ordine alfabetico da Santa Abelarda a San Zebedeo..
Stai su..

rompina ha detto... @ 7 marzo 2008 17:26

ma come che film...???
e' "vi presento Joe Black"... ;o)

JLù ha detto... @ 7 marzo 2008 17:29

Si, mi arrivi dritto dritto al cuore. ...dammi passione, anche se il

Anonimo ha detto... @ 7 marzo 2008 17:56

Quando il sole tornera'.....a riscaldare,quest'aria...
e quando poi tramontera'...
potrai dire ancora,potrai urlare ancora......
QUELLO CHE VORRAI TE'...

Bk ha detto... @ 7 marzo 2008 18:39

@didi: ogni segreto ha massimo un
altro paio di orecchie...
@sara: bello l'ho visto...
@sara: chissà... un giorno...
@marco: si marco sempre meglio.
@gianluca: suissimo gianlu... sono solo momenti.
@rompina: :-) lo conosci bene vedo!
@jLù: ti sei persa un pezzo?...
@anonimo: è una canzone caro/a anonimo/a?

MusEum ha detto... @ 7 marzo 2008 18:59

Caro collega iceberg... come ti capisco... pioggia, ricci, musica a palla nelle orecchie e tutto il resto...

Tante cose dentro che si affollano per uscire, ma al contempo ne hanno paura...

Come pellicole fotografiche impresse che al contatto con la luce temono di perdere qualcosa di sè...

rusellaemaggio ha detto... @ 7 marzo 2008 19:43

Non mi sembri per niente tutto sto iceberg... Lo è invece chi si fa travolgere dagli eventi, dalle chiacchiere della gente, dall'arrivismo, dal materialismo.. chi si fa coinvolgere e riflette sulle parole di una canzone è tutt'altro... comunque dai tirati su

hinoki84 ha detto... @ 8 marzo 2008 08:38

La vita è come un blog: spesso manca l'ispirazione, a volte nessuno ti caga, e c'è sempre qualcuno che lo farà meglio di te.
L'importante però e non smettere di scrivere...

Erikù ha detto... @ 8 marzo 2008 11:23

che bel post...tra la pioggia,i capelli bagnati e la canzone hai descritto un quadro bellissimo.

Erikù ha detto... @ 8 marzo 2008 11:23

che bel post...tra la pioggia,i capelli bagnati e la canzone hai descritto un quadro bellissimo.

Anonimo ha detto... @ 8 marzo 2008 11:39

Bravo... e' una canzone...
Ascolta:quella faccia triste...non va bene.

LAURA ha detto... @ 8 marzo 2008 12:25

Quando mi serve non ho mai l'ombrello dietro!
Comunque qui pioggia non s'è vista, solo freddo...

Bellissima questa canzone.

LAURA ha detto... @ 8 marzo 2008 12:25
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mirtilla ha detto... @ 8 marzo 2008 16:52

che post..non voglio dire triste,malinconico sicuramente e'piu'adatto...
smack!

dressel1981 ha detto... @ 9 marzo 2008 00:51
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
digito ergo sum ha detto... @ 9 marzo 2008 17:44

Ogni volta che si fa un passo verso l'emancipazione dell' IO, ogni volta che ci si scrolla di dosso un pezzo del pensiero globale, ogni volta che si fa un passo avanti, verso il rinnegare la cultura da cui si viene, ci si sente più soli. Il sapere, l'avere capito, l'avere acquisito nell'anima un nuovo ruolo dell'anima stessa, fa sentire incompresi. È bellissimo. Ti abbraccio

Bk ha detto... @ 9 marzo 2008 18:00

@museum: bisognerà trovare il modo di svilupparle quelle foto...
@russella: tranquilla sto su...
@hinoki: non smetterò mai, promesso.
@erikù: grazie erikù! :-)
@laura: bella vero?
@mirtila: ogni tanto ci può stare, no?
@digito: come hai ragione... un abbraccio anche a te.

Sabrina ha detto... @ 9 marzo 2008 21:18

Secondo me non ti capisce solo chi non vuole farlo... ;-)

Anonimo ha detto... @ 10 marzo 2008 01:55

sai spesso anch'io mi sento cm te... mi piace tenermi tutto dentro e magari solo quando ne ho veramente voglia lo esterno... ma, in questi momenti, odio le persone che stanno "addosso"... certo si preoccupano ma secondo me la preoccupazione è anche capire l'altro e le sue esigenze... kmq sappi che per qualsiasi cosa ci sono... vabbè ma lo sai benissimo... un bacio grande...