giovedì, settembre 10, 2009

Le Onde



Play.
Stasera, incredibile ma vero, mi sento tranquillo.
Penso e sempre tanto.
Ma quel frullatore che ho in testa (oltre a lavorare alle battute
più sceme ribaltando il mondo) non smette mai di girare.
Analizzo, ricordo, rielaboro.
Cerco di trovare sfumature che non ho visto a cose già
successe, a errori fatti e rifatti, ad emozioni vissute e poi perdute.
Non si torna indietro. Ma non si va avanti se non si torna indietro.
Guardo le mie mani e cerco di ricordare tramite loro...
contatti, movimenti, calore e stringersi forte.
Rielaboro percorsi emotivi che seguono le stesse correnti
come uccelli migratori.
Mi affaccio su baratri e scogliere a strapiombo che ancora mi sorprendono.
Guardo l'oceano di ciò che c'è oltre me stesso e ancora mi vengono
i brividi, al pensiero di quello che ero, di quello che potevo essere e di quello
che ancora potrei diventare.
Forse sapevo già tutto, forse credevo di conoscere la strada.
Ma ahimè ci si perde per strada.
"nelle strade ci si perde in cielo e in mare no..."
Stasera c'è un bel vento quassù.
E si sente il profumo del mare.
Direi che può bastare per strapparmi un sorriso.

18 commenti:

Yuki ha detto... @ 11 settembre 2009 00:28

Come ti capisco... Dai frullatori in testa, al profumo del mare!
Coraggio, Bk, non smettere di sognare...

Veneris ha detto... @ 11 settembre 2009 00:49

Ma sai che anche io riesco a sentire il profumo del mare stasera..

Lady Cocca ha detto... @ 11 settembre 2009 08:25

La strada si perde anche più di una volta, aimè! Ma non per questo bisogna scoraggiarsi.. ;)

Viola ha detto... @ 11 settembre 2009 09:15

La mia paura più grande è: quello che avrei potuto essere e che non sono diventata.Ma forse hai ragione tu...forse siamo ancora in tempo.

Bk ha detto... @ 11 settembre 2009 09:34

@Yuki: finchè batte il cuore...
@Veneris: ;-)
@Lady Cocca: dici bene ... in fondo un navigatore dentro da qualche parte lo dobbiamo avere.
@Viola: basta capirlo chi siamo e cosa potremmo essere.

calendula ha detto... @ 11 settembre 2009 17:20

se in testa hai un frullatore, vuol dire che qualcosa si muove, pensa alla massa di gente che in testa ha acque stagnanti...
io pur essendo a 5 km dal mare vedo da casa mia la sella del diavolo, che delimita la spiaggia più famosa della mia città, il profumo di mare non arriva, ma io cè l'ho nel sangue, e i gabbiani che cantano sopra di me mi fanno sempre pensare al mio bellissimo mare.
L'album "le onde" di Einaudi è sempre meraviglioso.

kekkasino ha detto... @ 12 settembre 2009 14:46

anch'io ho un bel frullatore in testa, e pure col turbo, a volte basta poco per strapparci un sorriso...

Ki@rina ha detto... @ 13 settembre 2009 14:30

..."Non si torna indietro. Ma non si va avanti se non si torna indietro."
Grazie, lasci sempre frasi su cui mi devo fermare a riflettere
Forse dovrei iniziare da quell'indietro altrimenti il resto va avanti ma io sono sempre ad un punto fermo
Qaunto mi fai pensare! :-)
Un abbraccio

Franz ha detto... @ 14 settembre 2009 13:41

A volte è difficile staccare la spina... anche io mi sono concessa un anno di tempo per rivoluzionare tutto e devo ammettere che funziona, poco alla volta.
Ma non puoi cancellare le emozioni.
Oggi sei il frutto delle esperienze che hai vissuto e sei una persona fantastica!
Un bacio

Guernica ha detto... @ 14 settembre 2009 15:32

Sono in buona compagnia allora!;)

Poi con Einaudi in sottofondo...

Buona settimana caro!

Bk ha detto... @ 14 settembre 2009 18:26

@Calendula: speriamo che dal frullatore ne esca qualcosa di buono...
@kekkasino: un sorriso così? :-D
@Kiarina: siamo in due a pensare allora!!
@Franz: le emozioni non si cancellano mai, concordo. Ne vorrei solo di nuove a colori caldi... tutto qua. Ma che complimento! Ti ringrazio... ma forse da vicino non sono così fantastico...
@Guernica: vedo che siamo tutti della banda del frullatore! Buona settimana anche a te.

desaparecida ha detto... @ 15 settembre 2009 14:21

oddio sto invecchiando ero sicura di averti commentato qlche giorno fa!!!!

Mare-mare-mare

no frullatori!


:D

radha ha detto... @ 15 settembre 2009 14:30

il vento è sempre un ottimo indizio di cambiamento....
mare al mare amare...

Bruja ha detto... @ 15 settembre 2009 18:15

...se non ci si perde nella vita... si vive poco...:-)

Franz ha detto... @ 15 settembre 2009 20:36

Lo sei, lo sento.
Da quello che scrivi e come lo scrivi!

eppifemili ha detto... @ 15 settembre 2009 22:57

io al massimo sento il profumo dello smog.

quindi fai un po' te.

Anonimo ha detto... @ 17 settembre 2009 15:49

...penso che sei semplicemente la persona più bella che esista...mi sento fortunato...il tuo fratellino...
...p.s.stupendo il post...

Angel ha detto... @ 19 settembre 2009 10:18

C'è davvero bisogno di smarrirsi certe volte.
Ed è meraviglioso se dimentichi la strada e guardi solo il paesaggio e quello che ti lascia.
Sii pronto a lasciarti stupire...
Un abbraccio